Palio dei Mussi – Riese Pio X

Il giorno 18 settembre 2016 la Contrada Bastia parteciperà alla Sfilata Storica che accompagna il Palio dei Mussi.

Di seguito un po’ di storia: “Il giorno del Palio, nel primo pomeriggio, sul retro di Villa Eger, sede Comunale, inizia il ritrovo delle Borgate: Cendrole, Jare, La Piazza, Pasotti, Pojana, Spinea, Terre Grosse, Vallà, con i partecipanti giovani e meno giovani, con carri, attrezzi e animali, in un tramestio di voci e colori. Ha inizio quindi la sfilata: preceduti dal Gonfalone del Comune, a testimonianza della partecipazione

dell’intera comunità dal Gonfalone del Palio e da quelli di ogni singola Borgata, i figuranti con tutto il loro armamentario percorrono, tra due ali di folla,Via G. Sarto, Via Merry del Val e Via Bembo per entrare infine negli impianti della Pro Loco appositamente attrezzati per la manifestazione e per l’accoglienza del pubblico. Durante il percorso, mentre gli spettatori osservano da vicino le caratteristiche identificative rappresentate da ogni singola Borgata: i lavori dei campi e tutto quanto a ciò connesso, le attività artigianali, commerciali e sociali, una ridda di parole ormai desuete accompagna la sfilata… rabio e solcaroea, barel e caveagne, anton e ratatuia, dogo e musal, bìgol e schiral,…da una delle borgate si eleva nell’aria un canto di religiosa invocazione, tipico della vita contadina mentre da un’altra una musica che accompagna balli festosi.

Si giunge così, dopo la rituale benedizione alle Borgate e ai fantini e il giuramento di lealtà dei concorrenti, al punto centrale della manifestazione: la corsa deiMussi. Mussi che ogni borgata ha amorevolmente e appassionatamente curato per lungo tempo con nutrimenti appositi, allenamenti nascosti e trattamenti principeschi.

Alla fine, per il vincitore, vi saranno grandi festeggiamenti, applausi, battimani e soprattutto gran festa della Borgata che per un anno intero potrà far valere il suo trionfo nei confronti di tutte le altre

. Intanto nella barchessa, appositamente allestita, si approntano i lavori come si svolgevano un tempo: il forno per il pane e i biscotti; il tino, le botti, il torchio per il vino; la caldaia per il formaggio o per il bucato; “a vanduja” e gli attrezzi “par far su el porseo”, il pentolame per cuocere il pesce e tante altre attività che ci aiutano a riscoprire il nostro passato…

…per non dimenticare! “

palio1-2016